IL CINEMA ANIMA GLI OCCHI
organizzazione Art Promotion

BOBÔ

 

Portugal – 2013 – DCP – colore – 80’

>> PROIEZIONE <<

mercoledì 30 aprile – ore 22.30 // SALA 5

giovedì 1 maggio – ore 9.30 // SALA 5

 

Regia: Inês Oliveira

Sceneggiatura: Rita Benis, Inês Oliveira

Cinematografia: Daniel Neves

Montaggio: Rui Mourão, Patrícia Saramago, Inês Oliveira

Scenografia: Maria José Branco, Nuno Gabriel Melo

Costumi: Margarida Morins

Interpreti: Paula Garcia, Aissato Indjal, Luana Quadé, Bia Gomes, Ângelo Torres, Maria João Luís, Ricardo Aibéo

Produttori: Fernando Vendrell, Luís Alvarães

Produzione: David & Golias

 

SINOSSI

Sofia vive da sola in un vecchio e polveroso appartamento di Lisbona, dove era cresciuta. Non esce mai, se non per andare a lavoro, e nessuno le fa mai visita – finché Mariama non appare alla sua porta dalla Guinea-Bissau. La madre di Sofia l’ha mandata per aiutarla a prendersi cura della casa, di se stessa e di suo figlio. Ma, a parte la presenza di Sofia, la casa sembra deserta. Poi arriva Bobô, la piccola sorella di Mariama, che riesce a far uscire Sofia dal suo guscio. Intanto, dietro il suo fermo sorriso, Mariama vive nel timore della nonna la quale pensa che sia suo dovere condurre Bobô attraverso un antico rito di passaggio. Ognuna a suo modo, Sofia e Mariama vanno avanti insieme confrontandosi con i propri demoni.

 

LA REGISTA: INÊS OLIVEIRA

BOBO-icona

Nata a Lisbona nel 1976, ha studiato Arti figurative e Cinema. Il suo primo film da regista è stato il cortometraggio O Nome e o N.I.M. (2003), premiato come Migliore Corto al Vila do Conde FF (Portogallo), al Nouveaux Cinema et Nouveaux Medias (Montreal), al Santa Maria da Feira FF (Portogallo) e al Festival Premiers Plans (Francia).

Il suo secondo film è stato il documentario Eating Your Heart Out – the Work of Rui Chafes and Vera Mantero (2005), presentato in anteprima in diversi festival quali DocLisboa, Vila do Conde e Centre Pompidou´s Videodanse. Nel 2008 ha diretto il suo primo lungometraggio Cinerama, prodotto da Paulo Branco. Il film è stato presentato in alcuni festival quali il São Paulo e Premiers Plans, prima di essere distribuito commercialmente nel 2010. Bobô (2013), prodotto da Fernando Vendrell, è il secondo lungometraggio di Inês Oliveira.

 

NOTA DI REGIA

“Due donne si incontrano, Sofia e Mariama, e dal loro reciproco desiderio di proteggere un bambino, il film svela la sua storia.

Sofia è una persona ancora turbata dai ricordi della sua infanzia e dalle responsabilità della sua “eredità”. La donna fa coscienziosamente tutto ciò che le viene chiesto di fare fino a quando non è costretta a rifiutarsi per salvare la piccola Bobô dalla mutilazione genitale. Paula Garcia e la giovane attrice Aissato Indjal, consapevoli delle rispettive esperienze e credenze, hanno fatto tanto per portare alla luce i loro personaggi. Abbiamo letto insieme i testi, li abbiamo provati e abbiamo passato del tempo facendo delle ricerche nella comunità della Guinea. Quando la macchina da presa ha iniziato a registrare, noi eravamo abbastanza pronte per iniziare a improvvisare. Bobô è senza dubbio un film con una forte prospettiva femminile, ma credo anche che affronti delle questioni universali sulla nostra mortalità e sul modo in cui forze esterne, fuori dal nostro controllo, possano minacciare la nostra sopravvivenza.”

 

FILMOGRAFIA

2003 O Nome e o N.I.M. (Names and Numbers, short)

2005 Eating Your Heart Out – the Work of Rui Chafes and Vera Mantero (doc)

2008 Cinerama

2013 Bobô

 

PREMI E FESTIVAL

2013 Toronto IFF – Discovery Programme

2013 IndieLisboa – Selezione Ufficiale