IL CINEMA ANIMA GLI OCCHI
organizzazione Art Promotion

BUONGIORNO TARANTO

 

Italia – 2014 – Bluray – colore – 85’

>> PROIEZIONE <<

venerdì 2 maggio – ore 20.15 // SALA 5

 

Regia: Paolo Pisanelli

Sceneggiatura: Paolo Pisanelli, Pinangelo Marino

Cinematografia: Paolo Pisanelli

Montaggio: Matteo Gherardini

Suono: Marco Cataldo

Filmakers: Francesco Baccaro, Luigi Ferrucci

Musica: Invidia Project, Donatello Pisanello, Admir Shkurtaj, fH projex, Daniel Bacalov

Con: Michele Riondino, Erika Grillo, Paola Leone, Lara Esposito, Mirko Miglietta, Tommaso Presicce, Cataldo Ranieri, Grazia Parisi, Mary Calderone, Donatello Pisanello, Angelo Cannata, Emanuele Spataro, la Banda della Città Vecchia

Produttori: Paolo Pisanelli, Sergio Quarta

Produzione: Big Sur, Ass. Cult. OfficinaVisioni con il sostegno di Apulia Film Commission in collaborazione con Produzioni dal basso

 

SINOSSI

Le rabbie e i sogni degli abitanti sono raccontati dalla cronaca di una radio web nomade e coinvolgente, un cine-occhio digitale che scandisce il ritmo del film e insegue gli eventi che accadono ai confini della realtà, tra rumori alienanti, odori irrespirabili e improvvise rivelazioni delle bellezze del territorio. Il film è un viaggio sur-reale ritmato da esplosioni di bellezza sommersa e ipnotici tramonti sul lungomare. Cosa pensano e cosa fanno le persone che vivono tra polveri rosse e nere in questa città pregiata e sfregiata della Magna Grecia, dimenticata per anni dalla politica e depredata da speculazioni criminali, costretta ora a rompere il silenzio tragico sulle proprie malattie per scegliere tra salute e lavoro? È una scelta cruciale, che potrebbe anche resuscitare la politica, intesa come res publica: cosa di tutti.

 

NOTA DI REGIA

“Raccontare le storie di questa città bellissima e disperata è una sfida che non riguarda solo il mio percorso cinematografico, ma il tentativo di attivare una comunicazione più profonda attraverso un videoblog e una radioweb, luoghi di narrazione e di confronto sociale aperti alla città come spazi da abitare. Quella di Taranto è una storia che riguarda tutti: è lo specchio del degrado di un’Italia in crisi esistenziale che dopo aver puntato sul processo di industrializzazione di un Mezzogiorno prevalentemente rurale, ora si trova incagliata nei conflitti aperti tra industria e ambiente, tra identità e alienazione, tra salute e lavoro”.

 

FESTIVAL

2014 Bif&st – Concorso Documentari