IL CINEMA ANIMA GLI OCCHI
organizzazione Art Promotion

 

 

Silvia Godelli, Assessore al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia

 

 

 

Il Festival del Cinema Europeo, giunto alla quindicesima edizione, esalta le singolarità della culture continentali, presentando produzioni connotate dai più elevati contenuti culturali nel panorama europeo del 2013-14; così come si fa, per l’affezionato pubblico, territorio di ri-appropriazione di autori fondamentali della cinematografia continentale, con gli omaggi a Marco Bellocchio e Danis Tanović, di celebrazione di straordinarie inventive visuali, con quello a Mario Bava, di intensi momenti di evocazione di figure d’eccellenza, con i ricordi di Pier Paolo Pasolini e Arnoldo Foà.

 

La passione e la competenza degli organizzatori del Festival, apprezzate a livello nazionale e internazionale, permettono al Cinema di espandere lo sguardo oltre gli itinerari abituali per andare ad abbracciare, attraverso tutti gli altri appuntamenti della manifestazione salentina, le più variegate realtà della nostra società, cui la cultura può essere motore trainante verso un futuro più limpido. In particolar modo mi piace ricordare, a riguardo, l’impegno europeo a favore della “media literacy”, passaggio fondamentale dei nostri tempi.

 

Il Festival del Cinema Europeo, esempio particolarmente importante all’interno delle rete dei festival di cinema, diventa oggi uno dei pilastri attorno ai quali costruire la candidatura della nostra meravigliosa città barocca a Capitale della Cultura Europea 2019.

 

 

 

Buon Festival a tutti.

 


 

 

Antonio Gabellone, Presidente della Provincia di Lecce

 

Si rinnova anche quest’anno una delle iniziative che meglio di tutte ha saputo dare senso e concretezza all’immagine non solo geografica di questo Salento immerso nel Mediterraneo, nei suoi sapori, nei suoi colori, nella sua millenaria tradizione culturale.

Il Festival del Cinema Europeo è per questo una grande opportunità, per Lecce, che insegue il titolo di Capitale della Cultura Europea 2019, ma anche per l’intero Salento che concorre con il suo capoluogo in questo prestigioso obiettivo.

Per il Festival parliamo oramai di una solida certezza, alla 15° edizione dimostra già di aver vinto la sua sfida, quella della continuità.

È invece la qualità, del suo percorso culturale, a garantirne artisticamente una vita lunga e feconda. Una scommessa vinta dal Salento tutto, se la politica saprà continuare a cogliere le sfide che la cultura le lancia.

 

Buon Festival a tutti!

 


 

Paolo PerroneSindaco di Lecce

 

Ancora un traguardo per una macchina organizzativa che, nel corso di questi anni, ha influenzato positivamente l’attività culturale e cinematografica di Lecce; un ulteriore tassello per la nostra città che catalizza su di sé, ogni primavera, l’attenzione degli addetti ai lavori e dei cultori del cinema di tutta Italia.

Il Festival, sempre fedele alla sua consolidata impostazione, si arricchisce di numerosi eventi collaterali che renderanno ancora più interessante la proposta dell’edizione numero quindici.

Rappresentante indiscusso del fermento e della vivacità culturale che contraddistinguono la nostra terra, il Festival del Cinema Europeo valorizza Lecce, il Salento e le sue peculiarità.

Contribuisce a lanciare i suoi talenti e trasforma il nostro territorio, per una settimana, nel palcoscenico nazionale della cinematografia italiana e internazionale. Un ringraziamento mi sembra doveroso, perciò, a tutti coloro che hanno lavorato sodo per giungere a festeggiare questo quindicesimo compleanno, mantenendo sempre vivi i valori e i presupposti con i quali questa avventura è iniziata.

Siamo pronti a vivere le emozioni che i film candidati susciteranno in noi spettatori, ma soprattutto è pronta la nostra città: accoglieremo le personalità di caratura nazionale e internazionale che porteranno qui la loro esperienza professionale e che, ci auguriamo, godranno delle nostre bellezze del paesaggio e delle prelibatezze culinarie che da più parti ci invidiano.

 

Un grosso in bocca al lupo al Festival del Cinema Europeo e a chi, in ogni parte e ruolo, vi ha lavorato.