IL CINEMA ANIMA GLI OCCHI
organizzazione Art Promotion

FOR THOSE WHO CAN TELL NO TALES

 

Bosnia & Herzegovina – 2013 – DCP 2k – colore – 75’

 

Regia: Jasmila Žbanić

Sceneggiatura: Kym Vercoe, Jasmila Žbanić, Zoran Solomun

Cinematografia: Christine A. Maier

Montaggio: Yann Dedet (F.S.B.)

Scenografia: Željka Burić

Costumi: Lejla Hodžić

Interpreti: Kym Vercoe, Boris Isaković, Simon McBurney, Branko Cvejić, Leon Lučev, Jasna Đuričić, Pamela Rabe, Damir Kustura, Saša Oručević, Suvad Veletanlić

Produttore: Damir Ibrahimović, Jasmila Žbanić

Produzione: Deblokada, Doha Film Institute, The Post Republic

World Sales: MPM Film (MOVIE Partners in Motion)

 

SINOSSI

Kym, una turista australiana, decide di andare in viaggio in Bosnia. La sua guida la conduce a Višegrad, una piccola città immersa nella storia, al confine tra Bosnia e Serbia. Dopo una notte insonne nel “romantico” Hotel Vilina Vlas, Kym scopre cosa era successo in quel luogo durante la guerra. Non può più essere una comune turista e la sua vita non sarà più la stessa.

 

LA REGISTA: JASMILA ŽBANIĆ

jasmila-zbanic-icona

Nata a Sarajevo nel 1974, Jasmila si laurea nella sua città natale presso l’Academy of Dramatic Arts, in regia teatrale e cinematografica. Il suo primo film Grbavica ha vinto nel 2006 l’Orso d’oro alla Berlinale (oltre al Premio della Giuria Ecumenica e il Peace Prize), il Gran Premio della Giuria all’AFI (American Film Institute) Fest, il Grand Prix Odyssey del Consiglio europeo ed è stato venduto in 40 paesi con grande successo. Il secondo film di Jasmila, On The Path, è stato presentato in concorso alla Berlinale 2010, è stato distribuito in 25 paesi e ha vinto numerosi premi. Il suo quarto film, la commedia romantica Love Island scritto insieme all’autore bosniaco-americano Aleksandar Hemon è attualmente in post produzione.

 

NOTA DI REGIA

“Come in ogni dopoguerra, le persone che hanno condotto la guerra in Bosnia fanno ancora parte della polizia, delle istituzioni giudiziarie, formative e politiche. Queste persone proteggono i criminali di guerra e ne sono strettamente legate. Siamo stati avvisati del fatto che fare un film come questo sarebbe stato molto pericoloso e che non eravamo al sicuro a Višegrad. Ma il film doveva essere girato a Višegrad e abbiamo deciso di correre il rischio, facendo del nostro meglio per minimizzare i rischi. Per esempio, non abbiamo detto agli abitanti di Višegrad che tipo di film stavamo girando. Abbiamo fatto questa scelta per proteggerli da ogni spiacevole conseguenza. Il mio amico serbo si è presentato come il regista, per non attirare l’attenzione. Tutto ciò – il tema del film, poi l’atmosfera di Višegrad dove ad ogni passo si percepisce l’orrore dei crimini di guerra – ha reso difficile le riprese del film. Ogni notte venivo svegliata dagli incubi. Molte persone non vogliono che si parli di ciò che è successo a Višegrad. La pace nei paesi del dopo guerra è tutt’altro che romantica”.

 

FILMOGRAFIA

2003 Images From The Corner (doc)

2004 Birthday (short, part of the omnibus Lost and Found)

2006 Grbavica

2007 Builder’s Diary (doc)

2008 Participation (short, part of the omnibus Stories On Human Rights)

2009 Na Putu (On The Path)

2013 For Those Who Can Tell No Tales

 

PREMI E FESTIVAL

2013 Toronto IFF

2013 San Sebastian IFF