IL CINEMA ANIMA GLI OCCHI
organizzazione Art Promotion

LA FINE ALL’ALBA

di Antonio Turco
regia di Francesco Cinquemani
Compagnia Stabile Assai – Italia – 2014 – 80’

>> RAPPRESENTAZIONE <<

venerdì 2 maggio – 2014

LECCE, Casa Circondariale  – via Borgo San Nicola 

 

ARTISTI: le figure maschili sono i detenuti della Casa di Reclusione di Rebibbia e, precisamente, Giovanni Arcuri, Salvatore Buccafusca, Renzo Danesi, Aniello Falanga, Cosimo Rega.
Le figure femminili: Sandra Vitolo (psicologa del carcere), Patrizia Patrizi (docente universitaria), Patrizia Spagnoli (teatro-terapeuta) e Deborah Bertagna (attrice professionista).
Inoltre, fanno parte del cast l’attore professionista Mario Zamma e l’Assistente Capo Rocco Duca, unico esponente
della polizia penitenziaria a salire sul palco insieme ai detenuti.
I musicisti sono Antonio Turco (chitarra e voce), Roberto Turco (chitarra classica, basso e voce), Lucio Turco (batteria), Gina Fabiani (voce).
È l’unica compagnia che mette in scena testi inediti basati sulle esperienze dei detenuti.
La regia dello spettacolo è di Francesco Cinquemani, autore del docufilm Offstage e di altri prodotti televisivi e cinematografici.

La costruzione della storia avviene attraverso scene intervallate da intermezzi musicali e narrativi. Significativa la scelta dei brani musicali, che sottolineano l’ambientazione.

La scena si svolge all’interno di una banca dove si sono asserragliati 5 rapinatori con 3 ostaggi. La consapevolezza che quella potrebbe essere la loro ultima notte produce nei personaggi complesse  riflessioni sulla propria esistenza.
La scelta è tra l’ergastolo, e quindi il ritorno in carcere, e la morte. Ognuno dei rapinatori non ce l’ha fatta a vivere nella  normalità della vita quotidiana. Appartengono a organizzazioni criminali diverse. Alla banda della Magliana, alla mafia e alla camorra. I 3 ostaggi sono: il direttore della banca, una ragazza affascinata da uno dei rapinatori, un signore anziano che era andato a chiedere un mutuo e che si è trovato nel posto sbagliato. Hanno scelto di non tornare più in carcere. Tra i 5 personaggi c’è un infiltrato. L’epilogo è alle porte.