IL CINEMA ANIMA GLI OCCHI
organizzazione Art Promotion

QUADRI ESPANSI – LA FORMAZIONE NEL CINEMA ITALIANO

 

Italia – 2013 – Bluray – colore – 55′

>> PROIEZIONE <<

sabato 3 maggio – ore 18.00 // SALA 4

 

Regia: Francesco Crispino

Sceneggiatura: Francesco Crispino

Cinematografia: Raoul Torresi

Montaggio: Francesco Crispino, Raoul Torresi

Con: Francesca Amitrano, Alessandro Borrelli, Alida Cappellini, Martina Cestrilli, Stefano Chierchiè, Sabrina Chiocchio, Giorgio Conti, Ivan Cotroneo, Roberto De Angelis, Cinzia De Mauri, Roberto Diamanti, Bruno Di Luia, Valerio Frezza, Claudio Giovannesi, Alberto Leotti, Davide Manca, Stefano Marino, Gilberto Martinelli, Ugo Menegatti, Piero Messina, Angelo Mignogna, Massimo Millozzi, Simona Paggi, Mauro Uzzeo

Organizzazione : Alessandra Chiocchio, Raffaele Rizzuto

Produzione: Cavadaliga s.r.l., Centro Produzione Audiovisivi Università di Roma Tre

 

SINOSSI

Quadri Espansi è un’indagine documentaria su come si formano i quadri del nostro cinema e mette al centro una galassia esistenziale in cui scuole professionali, famiglie e la gavetta plasmano le identità e le aspirazioni delle diverse figure professionali. Un magmatico percorso che tocca e unisce diverse generazioni ma anche differenti attitudini verso il cinema e la (sua) formazione. Materiali che, talvolta con amara ironia, ci mostrano un quadro fratturato della situazione cinematografica italiana.
Ciò che era, ma soprattutto ciò che è (diventato) il cinema italiano in un coro di voci che incrociano testimonialità e ricerca.

 

NOTA DI REGIA

“Dopo una prima riflessione di natura strettamente terminologica (Che cosa significa “quadri”? Cosa si intende esattamente per “cinema espanso”? Esiste un concetto univoco di “Formazione”?), ciò che mi ha guidato nella realizzazione è stata l’immagine di una frattura. Quella che emergeva dalla distanza tra ideale e reale nelle parole degli intervistati, tra la pellicola e il digitale e che, a mio avviso, connota gran parte del cinema italiano contemporaneo. Una frattura che ho cercato di tradurre nel rapporto tra i corpi e lo sfondo in cui agiscono, tra la testimonianza e l’astrazione del documento, tra l’immagine e il suono”.

 

PREMI E FESTIVAL

2013 Visual Fest Roma: Premio della Giuria