DAUGHTERS  (Töchter)

Germania 2014 – colore – 92’

 

Regia : Maria Speth

Sceneggiatura : Maria Speth, Reinhold Vorschneider

Cinematografia : Reinhold Vorschneider

Montaggio : Maria Speth, Gergana Voigt

Scenografia: Olivier Meidinger

Suono : Johannes Grehl

Costumi : Birgitt Kilian

Interpreti : Corinna Kirchhoff, Kathleen Morgeneye, Hermann Beyer, Lars Mikkelsen, Hans Jochen Wagner, Fabian Hinrichs, Peter Kurth, Matthias Matschke, Hiroki Mano, Irina Potapenko, Dzamilja Sjöström

Produttore : Maria Speth

Produzione : Madonnen Film production, in co-production by ZDF – Das Kleine Fernsehspiel, in association with Arte and with support from BKM

World sales: Alpha Violet, 14, rue Soleillet BL64, 75020 Paris, France, info@alphaviolet.com, www.alphaviolet.com

 

SINOSSI

Agnes, un’insegnante della provincia tedesca di Hesse, si reca a Berlino per identificare il corpo di una giovane. La polizia sospetta che si tratti di sua figlia quindicenne, Lydia, scappata via da casa. Ma non è così. Agnes decide allora di rimanere a Berlino, nella speranza di ritrovare la figlia. Inizia così una ricerca disperata che la porta a vagare la notte per stazioni ferroviarie, ritrovi di tossici e rifugi per senzatetto, tutti luoghi che Agnes di solito teme ed eviterebbe. Ma il peggio deve arrivare. Ines ha vissuto a Berlino per anni, per le strade o con le persone che le offrivano riparo. Sostiene di essere una pittrice ma in realtà è un’astuta parassita sociale. Una notte le strade delle due donne si incrociano. Da quel momento in poi Ines resterà aggrappata ad Agnes. Si insinuerà nella vita della donna come se si trattasse della sua vita. Agnes si piegherà alle maniere forti della giovane donna. Quest’estranea le appare eccentrica, destabilizzante e minacciosa, ma tutto sommato familiare.

  

LA REGISTA: MARIA SPETH

Web_Regista_Maria_Speth

Nasce nel 1967, studia regia all’Università di Cinema e Televisione Konrad Wolf a Potsdam-Babelsberg, in Germania. Dal 1991 lavora come assistente al montaggio e assistente regia per lungometraggi e film televisivi. Il suo primo cortometraggio Barefoot

(Barfuß, 1999) vince il 3sat Incentive Award. Il suo primo lungometraggio The Days Between (In den Tag hinein, 2001) è premiato al Festival del cinema di Rotterdam, al Festival Internazionale del cinema di Créteil e al MFG – Star Award. Con il suo secondo lungometraggio Madonnas (Madonnen, 2007) vince il Premio Hessian Film al Forum della Berlinale-e si aggiudica il premio Miglior Attrice al Festival del Cinema di Mar del Plata. Nel 2009 fonda la casa di produzione Madonnen Film e cura la regia del documentario 9 Lives (9 Leben, 2010), che ha ricevuto numerosi premi tra cui Miglior Regista al Premio Metropolis.

 

NOTA DI REGIA

“La cosa più importante della vita sono i tuoi sentimenti. Se questi non sono stati feriti in alcun modo, allora sarai una persona fantastica per il resto della tua vita. Se lo senti, allora è vero” (John Cassavetes)

Il primo luogo dove si viene feriti è la famiglia. La famiglia è di questa società la forma organizzativa più piccola. Tutto quello che definisce la vita in società, definisce anche la famiglia e viceversa. Ma le relazioni all’interno delle famiglie non sono regolate da leggi di ordine pubblico. Ecco perché le relazioni sono più amorevoli, o più brutali e sconsiderate. Agnes e Ines, le due protagoniste del mio film, portano ancora le ferite delle rispettive famiglie. Come madre e come figlia. Con la possibilità, forse, di rivivere tali ruoli in modo diverso. O di reiterare il passato.”

  

FILMOGRAFIA

1999 Barfuß (Barefoot, short)

2001 In den Tag hinein (The Days Between)

2007 Madonnen (Madonnas)

2010 Leben (9 Lives, doc)

2013 Töchter (Daughters)

 

FESTIVAL

2014 Berlinale – Forum