La sezione intende essere un’indagine sulle figure centrali del cinema italiano. Un grande attore della nostra cinematografia viene celebrato attraverso una rassegna dei film che maggiormente ne hanno segnato il percorso artistico, realizzata in collaborazione con la Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia. Ospite del Festival, l’attore sarà protagonista di un incontro pubblico, durante il quale  ritirerà l’Ulivo d’Oro alla Carriera.

 

Milena Vukotic è nata a Roma da padre jugoslavo commediografo e da madre italiana, pianista e compositore. Ha seguito gli studi artistici a Londra, Vienna e, in seguito, a Parigi, dove ha studiato pianoforte, danza e recitazione e ha vinto il primo premio per la danza al Conservatoire National de Musique. Dopo una breve esperienza nel corpo di ballo dell’Opéra, ha fatto parte per qualche tempo della compagnia di Roland Petit, quindi per alcuni anni della compagnia internazionale Grand Ballet du Marquis de Cuevas, con la quale ha girato tutto il mondo. A Parigi, allo stesso tempo, seguiva i corsi di recitazione alla prestigiosa scuola di Tania Balachova e faceva le prime esperienze di attrice nei teatri di avanguardia.

Tornata a Roma all’inizio degli anni Sessanta, ha iniziato la carriera teatrale nella compagnia Morelli-Stoppa, lavorando via via con registi come Giorgio Strehler, Franco Zeffirelli, Franco Enriquez, Maurizio Scaparro, Paolo Poli, Benno Besson, Piero Maccarinelli, Mario Missiroli, Lina Wermüller.

In un’attività cinematografica particolarmente intensa, con oltre cento lungometraggi all’attivo, ha recitato in film diretti da Alessandro Blasetti, Alberto Lattuada, Lina Wertmüller, Mauro Bolognini, Ettore Scola, Mario Monicelli, Nanni Loy, Carlo Lizzani, Dino Risi, Bernardo Bertolucci, Andrej Tarkovskij, Jean-Jacques Beineix, Nagisa Oshima, in ruoli sia drammatici che di genere leggero e comico. È stata interprete di due film di Federico Fellini, Giulietta degli spiriti e Tre passi nel delirio, nonché degli ultimi tre film del grande Luis Buñuel. È particolarmente popolare per la serie dei film di Fantozzi in cui ha il ruolo della moglie del ragionier Ugo, Pina, e che le è valso il Nastro d’Argento per Fantozzi in Paradiso di Neri Parenti (1993). Nel 2007 ha interpretato Saturno contro, di Ferzan Ozpetek, e nel 2009 Letters to Juliet di Gary Winick. Nel 2013 ha preso parte a Noi 4, di Francesco Bruni, e La sedia della felicità, di Carlo Mazzacurati, interpretazione per la quale è stata candidata come Miglior Attrici non Protagonista al David di Donatello. Nel 2007 ha ricevuto il Ciak d’oro alla Carriera.

Molto attiva anche in televisione, ha iniziato con il Gian Burrasca (1964) di Lina Wertmüller, quindi è stata protagonista di Nel mondo di Alice (1972) di Guido Stagnaro. Ha poi partecipato a numerosissimi lavori diretti, tra gli altri, da Luigi Di Gianni, Raffaele Maiello, Renato Castellani, Sandro Sequi, Vittorio Cottafavi, Alberto Lattuada, Lorenzo Salveti, Massimo Scaglione, Luc Bondy (in Germania), Joel Santoni (in Francia), fino alla recente e popolare serie Un medico in famiglia, iniziata nel 1998 e ancora in corso, nella quale interpreta uno dei ruoli principali.

Ha spesso recitato all’estero, soprattutto in Germania, Austria e Francia. Parla correntemente l’inglese, il francese, il tedesco e il serbo-croato e ha interpretato più ruoli in queste lingue.

Nel 2002 le è stato assegnato il “Premio Eleonora Duse” per la sua prestigiosa carriera teatrale, in particolare per le interpretazioni di Le donne di Picasso di Brian McAvera, regia di Terry D’Alfonso, e Notte di grazia scendi di Samuel Beckett, regia di Mario Morini. Nelle stagioni 2004-05 e 2005-06 ha interpretato il dramma Lasciami andare madre di Helga Schneider, diretta da Lina Wertmüller. Nel 2009 ha recitato, con Paolo Fresu alla tromba, le poesie di Emily Dickinson in La mia lettera al mondo, di Giorgia De Negri. Nelle stagioni 2009-10 e 2010-11 ha recitato con Valeria Valeri nella commedia Le fuggitive di Pierre Palmade e Christophe Duthuron. Nel 2011 ha anche ripreso Le donne di Picasso in una nuova versione, con la giovane Margot Sikabonyi, e nel 2013 è stata Coco Chanel in C come Chanel, con David Sebasti, testo di Valeria Moretti, regia di Roberto Piana. Nella stagione 2014-15 ha interpretato, con Antonello Avallone, il dramma Regina madre di Manlio Santanelli, regia dello stesso Avallone. Nel 2014 ha ricevuto il Premio Flaiano alla Carriera.

È stata la voce recitante in innumerevoli lavori, tra cui Pierino e il lupo, Histoire du soldat ed Enoch Arden, accompagnata da Maestri come il violinista Salvatore Accardo, il violoncellista Rocco Filippini, i pianisti Antonio Ballista, Bruno Canino, Angela Annese, Filippo Faes, Giuseppe Bruno.

Leggi altro >>
cornetti-alla-crema-gallery1

CORNETTI ALLA CREMA

Sergio Martino Italia 1981 – colore - 109’

Domenico Petruzzelli è un sarto specializzato in abiti talari, è accreditato presso la Santa Sede e ha appunto per committenti esponenti...

leggi la scheda >>

Fantozzi_il_ritorno_GALLERY1

FANTOZZI – IL RITORNO

Neri Parenti Italia 1996 – colore - 100’

Fantozzi è volato in Cielo. Ma in coda per entrare in Paradiso, quando infine il cancello si apre, per un'improvvisa carenza...

leggi la scheda >>

il-fascino-discreto-della-borghesia_gallery1

IL FASCINO DISCRETO DELLA BORGHESIA

Luis Buñuel Francia, Italia, Spagna 1972 – colore - 100’

Per i borghesi François e Simone Thevenot, la giovane Florence (sorella di Simone), l'ambasciatore della repubblica di Miranda, Raphaël Acosta, i...

leggi la scheda >>

Il-lanciatore-di-coltelli_GALLERY1

IL LANCIATORE DI COLTELLI ep. di Questa volta parliamo di uomini

Lina Wertmüller Italia 1965 – colore - 16’

Un vecchio lanciatore di coltelli, non ascoltando i consigli della devota compagna, durante la prova di uno spettacolo sbaglia la mira...

leggi la scheda >>

la-casa-del-tappeto-gallery1

LA CASA DEL TAPPETO GIALLO

Carlo Lizzani Italia 1983 – colore - 89’

La vita di Franca ed Antonio, una giovane coppia di sposi, è turbata dagli incubi notturni di lei, che nel sonno...

leggi la scheda >>

Venga_a_prendere_gallery2

VENGA A PRENDERE IL CAFFÈ DA NOI

Alberto Lattuada Italia 1970 – colore - 113’

Scapolo, non più tanto giovane, Emerenziano Paronzini, funzionario dell'ufficio imposte dirette, viene trasferito in una cittadina di provincia con il grado...

leggi la scheda >>