SVIZZERA, GERMANIA

DORA OR THE SEXUAL NEUROSES OF OUR PARENTS – Dora Oder Die Sexuellen Neurosen Unserer Eltern

2015 – DCP – colore – 90’

 

Regia: Stina Werenfels

Sceneggiatura: Stina Werenfels

Fotografia: Lukas Strebel

Montaggio: Jann Anderegg

Scenografia: Beatrice Schultz

Musica: Peter Scherer

Costumi: Gitti Fuchs

Interpreti: Victoria Schulz, Jenny Schily, Lars Eidinger, Urs Jucker

Produttori: Karin Koch, Samir

Produzione: Dschoint Ventschr Filmproduktion AG, Niko Film, Aleppo Films, Schweizer Radio und Fernsehen, Magmafilm GmbH

 

SINOSSI

Quando sua madre decide di interrompere le cure per la figlia mentalmente disabile, la diciottenne Dora sembra risvegliarsi da un sonno profondo. Scopre il proprio corpo, la propria sensualità e, infine, anche il sesso. I suoi genitori sono sconvolti da questa sua improvvisa e sfrenata voglia di vivere e, quando Dora inizia una relazione con un uomo conosciuto lavorando in una bancarella, si infuriano. Percependo quel rapporto come immorale e violento, chiedono alla figlia di non vedere più il suo amante. Ma i loro sforzi sono inutili e, quando la relazione di Dora sfocia in una situazione più grave, tutti dovranno rivedere i limiti dei loro rapporti e riflettere su questioni come l’auto-determinazione, la fiducia e la gelosia…

 

IL REGISTA: STINA WERENFELS

 

Nata a Basilea, Svizzera, nel 1964, cresce tra USA, Grecia e Spagna. Dopo una laurea in Farmacia presso l’ETH (Istituto Federale Svizzero di Tecnologia) di Zurigo, nel 1991 comincia a studiare Cinema alla Tisch School of the Arts di New York sotto l’egida di Spike Lee, Arthur Penn e Marketa Kimbrell. Il suo corto Pastry, Pain & Politics vince il Premio del Cinema Svizzero per il Miglior Cortometraggio. Il suo primo lungometraggio è Nachbeben (Going Private) del 2006, proiettato alla Berlinale nella sezione Panorama. Oltre al lavoro come regista e sceneggiatrice, insegna recitazione all’Università delle Arti di Zurigo.

 

NOTA DI REGIA

“Il film è basato sulla famosa opera del drammaturgo svizzero Lukas Bärfuss. (…) Mi è sembrato che Lukas mettesse a nudo la nostra società occidentale e la sua ipocrisia. (…) La pièce mi ha permesso di entrare nella zona morale grigia di ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, di ciò che è “normale” e ciò non lo è. Mi ha anche dato la possibilità di offrire forti prospettive femminili (…) ci vuole un sacco di ricerca e di immersione nella realtà delle persone con disabilità. Una rappresentazione stereotipata nasce dal mostrare la persona disabile da un unico punto di vista: la disabilità. Non solo è un cliché, ma è anche discriminatorio, perché ogni essere umano ha una vasta gamma di caratteristiche. I disabili sono spesso dipinti nei film come “carini” e “commoventi”. È diventato quasi un genere… Ma la nostra Dora è anche viziata, irascibile e ha una voglia di vivere straordinaria (…).”

 

FILMOGRAFIA

1994 Fragments from the Lower East Side (short)

1998 Pastry, Pain & Politics (short)

1999 Making of a Jew (segmentof doc ID Swiss)

2003 Meier Marilyn (tv movie)

2006 Nachbeben (Going Private)

2015 Dora oder Die sexuellen Neurosen unserer Eltern (Dora or the Sexual Neuroses of Our Parents)

PREMI E FESTIVAL

2015 Solothurn FF

2015 Berlinale – Panorama

2015 Brussels FF: Premio Cineuropa, Premio Cinelab per la Miglior Immagine 

2015 Luxembourg City FF


 

TRAILER