ITALIA, FRANCIA

FAI BEI SOGNI Sweet Dreams

2016 – DCP – colore – 133’

 

Regia: Marco Bellocchio

Sceneggiatura: Valia Santella, Edoardo Albinati, Marco Bellocchio dal romanzo di Massimo Gramellini

Fotografia: Daniele Ciprì

Montaggio: Francesca Calvelli

Scenografia: Marco Dentici

Musica: Carlo Crivelli

Costumi: Daria Calvelli

Interpreti: Valerio Mastandrea, Bérénice Bejo, Guido Caprino, Nicolò Cabras, Dario Delpero, Barbara Ronchi

Produttore: Beppe Caschetto

Produzione: IBC Movie, Kavac Film in collaborazione con  Rai Cinema

 

SINOSSI

Dopo un’infanzia solitaria nella Torino degli anni Sessanta, e un’adolescenza difficile, Massimo diventa un affermato giornalista de La Stampa, impegnato anche in reportage di guerra nei luoghi caldi dell’Europa. Continua però a convivere con il ricordo lacerante dell’amata madre, scomparsa quando era ancora un bambino, nonché con un senso di mistero intorno alla sua morte, che il padre gli ha detto esser stata causata da un infarto. La vicinanza di Elisa, una dottoressa che lo ha aiutato a superare le crisi dovute ai problemi di tachicardia, gli permetterà infine di affrontare la verità sul suo passato. Solo alla fine, grazie a un vecchio articolo di giornale, scoprirà come sono andate veramente le cose, e troverà il modo di risalire alla luce.

 

NOTA CRITICA

“Il film diventa anche una riflessione su una generazione di genitori con la quale la discussione è idealmente ancora aperta, ed è commovente che a interpretare Gramellini sia lo stesso attore che in Romanzo di una strage era il commissario Calabresi, un altro padre morto ingiustamente al quale il figlio (il giornalista Mario) ha dedicato pagine importanti. Bellocchio riflette da sempre sulle dinamiche della sua famiglia, ne parla anche nei film che sembrano parlare d’altro. È un’idea di famiglia dove le nascite e le morti sono in rapporto osmotico.” (Alberto Crespi, L’Unità)

 

PREMI 

2017 International Cinephile Society Awards: Miglior Film non uscito nel 2016 

2017 Trieste FF – Premio SNCCI Award: Miglior Film Italiano dell’Anno