FRANCIA

OLIVIER, OLIVIER

1992 – 35mm – colore – 110’

 

Regia: Agnieszka Holland

Sceneggiatura: Agnieszka Holland, Yves Lapointe (adattamento)

Fotografia: Bernard Zitzermann

Montaggio: Isabelle Lorente

Scenografia: Benoît Clémenceau

Musica: Zbigniew Preisner

Costumi: Ewa Biejat

Interpreti: Grégoire Colin, Marina Golovine, Brigitte Roüan, François Cluzet, Emmanuel Morozof, Faye Gatteau, Frédéric Quiring

Produttori: Christian Ferry, Marie-Laure Reyre

Produzione: Oliane Productions

 

SINOSSI

La famiglia Duval vive una vita serena nella sua grande casa in campagna. Serge è un veterinario, sua moglie Elisabeth trascorre le sue giornate accanto ai loro bambini: Nadine, la maggiore, ed Olivier, che ha nove anni. La madre stravede per il piccolo e Nadine lascia trasparire la sua gelosia esercitando la sua autorità sul fratellino. Un giorno Olivier prende la bicicletta al posto della sorella e va a portare la colazione alla nonna malata. Parte e non ritorna. Fuga? Rapimento? Omicidio? I giorni passano e, nonostante le accanite indagini dell’ispettore Druot, la scomparsa si conferma. La famiglia Duval si sfalda sotto i colpi del dolore: Serge parte per l’Africa, mentre Elisabeth resta con Nadine, nella inconfessata attesa del ritorno di Olivier. Poi, un giorno, l’ispettore Druot porta una notizia che sembra riaccendere la speranza…

  

NOTA CRITICA

“[Un film] inquietante e insolito. (…) Che c’è di inquietante? Il suo porre molte domande senza dare risposte univoche. La stratificazione dei livelli narrativi: realistico, mitico, magico, erotico, sadico. La complessità tematica: l’impreparazione degli adulti (di oggi) all’infelicità e l’incapacità di amministrare la propria libertà; la decomposizione del nucleo familiare in una società che ha smarrito i suoi valori; la maggior forza dei giovani (figli) rispetto agli adulti (genitori); la continua oscillazione tra luce e ombra, realtà e immaginazione; il carico rischioso dei simboli culturali.” (Morando Morandini, Il Giorno, 21/10/1992)

 

 

PREMI

1992 Valladolid IFF – Concorso: Migliore Attrice (Brigitte Roüan)