ITALIA, FRANCIA, ROMANIA

VALLANZASCA – GLI ANGELI DEL MALE ANGEL OF EVIL

2010 – 35mm – colore – 125’

 

Regia: Michele Placido

Sceneggiatura: Kim Rossi Stuart, Michele Placido, Antonio Leotti, Toni Trupia, Andrea Leanza, Antonella D’Agostino, dai libri “Il fiore del Male – Bandito a Milano” di Carlo Bonini e Renato Vallanzasca e “Lettera a Renato” di Antonella D’Agostino e Renato Vallanzasca

Fotografia: Arnaldo Catinari

Montaggio: Consuelo Catucci

Scenografia: Tonino Zera

Musica: Davide Cavuti, Negramaro

Costumi: Roberto Chiocchi

Interpreti: Kim Rossi Stuart, Filippo Timi, Valeria Solarino, Moritz Bleibtreu, Paz Vega, Francesco Scianna

Produttori: Elide Melli, Fabio Conversi

Produzione: Cosmo Production, Fox International Production (Italy) s.r.l., Babe Films, con la partecipazione di Canal +

 

SINOSSI

Vita e imprese di Renato Vallanzasca, bandito milanese soprannominato il bel René: si parte dal 1981, anno in cui lo troviamo isolato in carcere, per poi procedere a ritroso lungo gli anni della giovinezza. Specializzato in furti e rapine, Vallanzasca conduce una vita di divertimento nei locali, si innamora di Consuelo con cui ha un figlio, consuma un’accesa rivalità con il boss Frank Turatello e alterna detenzioni nei carceri italiani a varie imprese criminali con la sua banda della Comasina. Le sue azioni sono viste con benevolenza dal pubblico, che lo trasforma in una sorta di antieroe-divo, amato dalle donne per la sua avvenenza e intervistato dalle radio di sinistra. L’arresto arriva infine mentre viaggia in auto e viene fermato da un giovane carabiniere.

 

NOTA CRITICA

“Tutte le sue attenzioni [Placido] le ha rivolte a quella figura centrale di cui, ignorandone forse un po’ attorno le cornici, ha messo soprattutto in rilievo la determinazione e, in alcuni passaggi, anche la ferocia, rappresentandole con un dominio sempre più sicuro del cinema (…): con poche pause. Sostiene l’impresa Kim Rossi Stuart, intento a modulare con sapienza – gestuale e mimica – tutte le gamme di un carattere selvaggio ed irruente cui il film fa riferimento per intero. Raccogliendone la sfida con saldi risultati.” (Gian Luigi Rondi, Il Tempo, 21 gennaio 2011)

 

PREMI

2011 Nastro d’Argento: Miglior Attore Kim Rossi Stuart

2011 Premio Flaiano: Miglior Attore Kim Rossi Stuart

2011 Ciak d’Oro: Miglior Attore Kim Rossi Stuart

Romanzo criminale

Roma, anni Settanta. Il Libanese, il Freddo...

Tommaso

Dopo una lunga relazione, Tommaso riesce a...

Cuore cattivo

Il giovane Claudio Scalise, in fuga dopo...

Anche libero va bene

Tommi ha undici anni e vive con...