ITALIA

DIVORZIO ALL’ITALIANA

1961 – 35mm – b/n – 105’

 

Regia: Pietro Germi

Sceneggiatura: Alfredo Giannetti, Ennio De Concini, Pietro Germi

Fotografia: Leonida Barboni, Carlo Di Palma

Montaggio: Roberto Cinquini

Scenografia: Carlo Egidi

Musica: Carlo Rustichelli

Costumi: Dina Di Bari

Interpreti: Marcello Mastroianni, Daniela Rocca, Stefania Sandrelli, Leopoldo Trieste, Umberto Spadaro

Produttore: Franco Cristaldi

Produzione: Galatea Film, Lux Film, Vides Cinematografica

 

SINOSSI

Sicilia. Il Barone Ferdinando Cefalù detto Fefè si innamora, ricambiato, della sua attraente e giovanissima cugina Angela. L’uomo, però, è sposato da dodici anni con l’assillante Rosalia, per cui ha perso da tempo ogni ardore. Poiché la legge italiana non contempla il divorzio, Fefè cerca di avvalersi invece del delitto d’onore e tenta così di spingere la moglie fra le braccia di un qualche amante per poterla poi sorprendere in flagrante e eliminarla. Il ritorno in paese di Carmelo Patanè, pittore e vecchio spasimante di Rosalia reduce dalla guerra, sembra costituire l’occasione ideale. Fefè cerca quindi di favorire il ritorno di fiamma tra i due, ideando un piano perfetto.

 

NOTA CRITICA

“Storia grottesca dai sapori amari quella che ci racconta Germi, che sembra uscita dalle pagine di Brancati. Il regista si rivela acuto e felice osservatore di taluni aspetti del costume, narrati con freschezza e autenticità, anche se con un tono sopra le righe, che fa del film uno dei prototipi della commedia all’italiana. Esilarante e stimolante, ricco di risate caustiche e di riflessioni maliziose che lo trasformano da libello in pamphlet. (…) Un importante contributo al successo del film viene dagli eccezionali interpreti.”

(Sebastiano Gesù, in Pietro Germi il siciliano, 40due edizioni)

 

PREMI

1962 Nastri d’Argento Silver Ribbons: Miglior Soggetto, Sceneggiatura, Attore Protagonista

1963 Oscar: Migliore Sceneggiatura Originale

1963 Golden Globes: Miglior Film Straniero, Miglior Attore