RUSSIA, FRANCIA, GERMANIA

PADRE E FIGLIO Отец и сын

2003 – 35mm – colore – 94’

 

Regia: Aleksandr Sokurov

Sceneggiatura: Sergey Potepalov

Fotografia: Aleksandr Burov

Montaggio: Sergey Ivanov

Scenografia: Nataliya Kochergina

Musica: Andrey Sigle

Interpreti: Andrey Shchetinin, Aleksey Nejmyshev, Aleksandr Razbash, Fedor Lavrov, Marina Zasukhina

Produttori: Thomas Kufus, Igor Kalenov

Produzione: zero film, Nikola–film, Ministry of Culture of the Russian Federation

 

SINOSSI

Padre e figlio dividono un appartamento sui tetti. Da molto tempo vivono da soli, in un mondo a parte, pieno di rituali quotidiani. Seguendo l’esempio del padre, Alexei si è iscritto alla scuola militare. Ama lo sport, non pensa ad altro. La sua compagna è però gelosa del rapporto così intimo che lui ha con il padre. Anche se prima o poi tutti i figli devono lasciare la famiglia, Alexei ne è turbato. Suo padre sa che dovrebbe accettare un posto migliore in un’altra città e forse anche risposarsi, ma allora chi consolerebbe Alexei? Mai un amore tra padre e figlio è stato così forte.

 

NOTA CRITICA

“Padre e figlio è un film che ricorre a scarni elementi di messa in scena, immersi in un’atmosfera rarefatta, quasi a-temporale, come se contassero soprattutto le emozioni, i sentimenti, le parole, i gesti dell’affetto, le richieste amorose. Pochi oggetti, ambienti semplici e quotidiani, interni che prendono dall’esterno una luce crepuscolare; colori che si stemperano, delicati e soffusi, tenui e discreti; una luce velata, filtrata dal grigio del cielo, che smorza i contrasti e ammorbidisce le tinte; i contorni che si sgranano, le ombre che diventano semplicemente delle zone più scure dove le forme si confondono. Ogni scena, ma sarebbe meglio dire ogni quadro, contiene la sospensione del respiro, l’inquietudine dell’attesa, la precarietà della soglia, il timore del futuro, il vuoto della perdita, la spregiudicatezza dell’azzardo.”

(Angelo Signorelli,Cineforum n. 426, giugno 2003)

 

PREMI 

2003 Cannes Film Festival – Concorso: Premio FIPRESCI